scuolarecuperoanni.net - Cerca le migliori Scuole di Formazione per Recupero anni scolastici

in News

Nasce un nuovo istituto formativo nei pressi di Pisa, per la precisione in Largo Don Pino Puglisi, in San Miniato Basso, frazione di San Miniato. Si tratta della prima Scuola Italiana di Naturopatia Classica e Ricerca Olistica, denominata Sincro.

Potrebbe essere un settore innovativo per il nostro Paese e attrarre molti partecipanti. Le iscrizioni sono già attive sul sito web e la scuola potrà essere frequentata a partire da questo ottobre.

 

L’obiettivo della Scuola italiana di Naturopatia Classica è quello di preparare gli allievi a fronteggiare i problemi di salute anche con la medicina naturale, in alternativa a quella tradizionale. Grazie a questa possono essere studiate delle nuove terapie e operare preventivamente alla nascita di alcune malattie. Si tratta di un nuovo tipo di medicina, che potrebbe, in futuro, sostituire anche quella che già conosciamo e aprirci nuove porte verso la cura di una patologia in maniera completamente naturale.

 

Già oggi sono tantissimi i siti web dedicati proprio a questa tipologia di “medicina alternativa”, perché sta nascendo forte la convinzione che naturale è meglio e efficace almeno allo stesso modo delle medicine classiche, senza dimenticare che non ci sono effetti collaterali.

 

Sul sito web della scuola è presente una descrizione che dice, a grandi linee, che il compito di un naturopata è quello di infondere la propria conoscenza nel proprio modo personale, attraverso delle discipline naturali ed energetiche. Si tratta, quindi, di un percorso anche psicologico per imparare a conoscere sé stessi, in modo da poter conoscere anche le persone con cui entriamo in contatto.

 

Per il momento, i docenti della Scuola italiana di Naturopatia Classica sono Maurizio Latessa, il coordinatore scientifico, Simone Falorni, coordinatore didattico, Alessandro Trigetti, coordinatore dei servizi allo studente e della comunicazione, e Marzio Matteoli, Silvia Ghiara, Daniela Cavatorta, Iacopo Periti e Katia Graziano, che si occupano del comitato scientifico.

publisher
back to top