scuolarecuperoanni.net - Cerca le migliori Scuole di Formazione per Recupero anni scolastici

in News

Il concorso scuola di quest’anno sembra essere giā partito in ritardo e, intanto, ci sono 200.000 candidati che aspirano a un posto fisso come insegnanti. Il MIUR sta per pubblicare i bandi per il concorso, mentre i posti confermati sono 63.712. L’elevato numero di aspiranti insegnanti complica le cose, sembrerebbe, infatti, difficile reperire delle aule dove effettuare l’esame al computer.

L’esame scritto si terrā, infatti, con una visione tecnologica, per mezzo della quale i candidati alle cattedre dovranno rispondere a otto domande per mezzo del computer, riguardanti la materia per la quale sono adibiti.

 

Due di queste saranno obbligatoriamente in lingua straniera: inglese, francese, tedesco o spagnolo. I futuri insegnanti dovranno, infatti, presentare delle conoscenze della lingua di livello minimo B2. Mentre le altre domande saranno a risposta aperta, quelle in lingua straniera presenteranno dei quesiti con risposte chiuse.

 

La durata dell’esame scritto č di 150 minuti. L’orale si svolgerā, invece, con una dimostrazione da parte del candidato di come svolgerebbe una normale lezione, mentre alcuni minuti saranno dedicati a un colloquio conoscitivo, per un totale di 45.

 

E se il concorso doveva avere inizio a partire dal mese di febbraio, sembra che dovremo attendere fino agli inizi di marzo. Per il momento, il Ministero dell’Istruzione, dell’Universitā e della Ricerca, sta mettendo su un sito web dove poter scaricare le domande di partecipazione al concorso scuola di quest’anno, oltre ad ottenere alcuni chiarimenti. Intanto, speriamo che, la promessa della Giannini che ha garantito la conclusione del concorso scuola per l’inizio del nuovo anno scolastico, si avveri.

 

Resta invece il dubbio sulla valutazione dei vari titoli in possesso dei candidati, sia in considerazione degli anni di servizio che per quanto riguarda le abilitazioni. Le ultime indiscrezioni volevano una valutazione che tenesse in gran conto gli anni di insegnamento, ma č ancora tutto da rendere noto.

publisher
back to top